Riapertura sì, ma in sicurezza

Il turista dell’estate 2020 ha bisogno di sicurezza, espressa nella qualità del prodotto e dei servizi. Sicurezza e qualità sono dunque le parole d’ordine di ogni struttura ricettiva e destinazione turistica. La conferma arriva dai mercati DACH ed italiano che si sono mossi fin da subito in questa direzione, cercando di rassicurare il viaggiatore e assecondando i nuovi bisogni derivati dalla crisi Covid-19.

L’8 Giugno la località svizzera Graubünden ha riaperto i suoi impianti di risalita dando il via all’estate. La nuova stagione è iniziata sì, ma con sicurezza: gli eventi con più di 1000 persone saranno banditi fino ad agosto. Sul loro sito web invece si è sempre puntato invece sull’interazione con i turisti, un esempio è il corso di romancio grigionese, ovvero la versione standardizzata e unitaria della lingua romancia svizzera, intitolato “Sas ti rumantsch?”.

Rumantsch Svizzera

Anche Engadina a metà maggio per mantenere vivo nei turisti l’interesse verso la località ha lanciato la campagna “7 personalità, 7 storie e 7 video” sul canale Facebook. Il progetto prevedeva la pubblicazione ogni settimana della storia di una persona nativa dell’Engadina. Si partiva con Lea Bärfuss, ventun anni e la passione dell’arrampicata.

Lenzerheide, in Svizzera, il 7 Maggio, quando la fase 2 era già iniziata, ha messo le mani avanti pubblicando un articolo sul proprio sito web relativo alla situazione e alle soluzioni adottabili. L’idea era trasmettere voglia di ripartire ma in totale sicurezza. La località svizzera che, nonostante la pandemia, sembra essere sempre più sotto controllo, “riadatterà” le proprie offerte estive in modo tale da contenere eventuali altri contagi. Il suo “progetto senza rischi” prende il nome di “Corona Task Force”.  L’attenzione è rivolta in primis alla salute dei turisti e della popolazione e la nuova campagna estiva #discoverlenzerheide si basa principalmente su questo aspetto. L’8 Giugno il via agli impianti e ai rifugi in alta quota.

Blog Lenzerheide

Sul lato italiano, invece, le novità e gli adattamenti anche da parte delle strutture ricettive sono cominciate ad emergere già da metà maggio. Un esempio di buona riuscita è il Golden Palace di Torino che si rilancia sul mercato come “Grand Hotel Salute”. La sua formula di ospitalità è cucita a misura della stagione post-Covid. Dal 18 maggio ha infatti abbinato un classico soggiorno tipo ad assistenza medica e infermieristica quotidiana, dieta personalizzata, animazione, palestra, personal trainer.

Anche nel mondo digitale ci si adatta. Google ha introdotto un’importante novità, il “Pay per Stay”, per gli utilizzatori del sistema Travel Ads: le commissioni per gli annunci pubblicitari relativi alle offerte delle strutture saranno pagate solo a soggiorno avvenuto.

Allungare la mano e cercare di alleggerire tutti i problemi e le restrizioni che la pandemia ha portato con sé è la sfida di ogni agenzia, località o struttura e anche la nostra. Questo soprattutto perché l’offerta giusta al momento giusto può fare la differenza. Il team esperto di Real Web da anni è a servizio dei propri clienti: contattaci per conoscere le nostre offerte oppure iscriviti se vuoi restare aggiornato grazie al nostro monitoraggio strategico.

Abbiamo molto da condividere con te

Ti abbiamo inviato una mail per confermare l'iscrizione. Ancora un click e sarai dei nostri.
Sembra che manchi qualcosa. Controlla i campi!

Lascia un commento

dieci − sei =